Barbara La Comba dal direttore del palazzo BLU – idee ed esperienze per rilanciare i musei di Livorno

Video

Professionista in ambito organizzativo e gestionale delle iniziative riguardanti beni, attività ed eventi culturali, Alessandro Cerami, uomo di grande chiarezza e competenza, ci ha concesso qualche ora del suo tempo per raccontarci la bellissima avventura del successo del Palazzo Blu di Pisa che in questi anni e’divenuto un polo di attrazione culturale che a Pisa e’secondo solo alla Piazza dei Miracoli. Gli abbiamo chiesto di raccontarci il segreto di questo successo, mentre ammiravamo la qualita’della nuova bellissima mostra che racconta il viaggio dell’uomo sulla Luna.
Palazzo Blu, gestito dall’omonima Fondazione, e’stata un’avventura ed una scommessa, quella di creare in una citta’d’arte con una importante presenza museale, un luogo dove, attraverso uno staff di altissima professionalita’

Per ogni mostra vengono coinvolti i migliori esperti, per allestimenti di altissimo valore culturale e divulgativo. Questa la chiave del successo. Coraggio, professionalita’ e ricerca delle migliori competenze. Certamente tutto questo ci dice il dott. Cerami non sarebbe stato possibile senza il supporto della fondazione che ha scelto di sostenere la cultura non con azioni a pioggia sul territorio, ma investendo in un grande progetto che contribuisse davvero alla crescita della citta’. Da qui un’altra grande intuizione. Parlare in un modo nuovo di arte, moderna e contemporanea, non solo avrebbe avvicinato il grande pubblico ma, se ben spiegata e rappresentata, lo avrebbe anche aiutato ad appassionarsi ai grandi temi della cultura artistica e scientifica.
L’amministrazione di Livorno ha candidato la citta’ a citta’della Cultura, ma cosa puo’offrire la nostra citta’per poter ricevere questo titolo? Oggi molto poco. Eppure tutti noi ne conosciamo la potenzialita’.
Abbiamo chiesto a Cerami cosa suggerirebbe lui per Livorno. Un dialogo ed un’analisi lucida e precisa durata quasi due ore e che pubblicheremo nelle prossime ore.

Barbara La Comba con Claudio De Simoni.